Posts Tagged ‘Italia’

McDonald ‘s International

McDonald’s è la più grande e la più popolare catena di fast food in tutto il mondo, che opera con più di 30.000 ristoranti in 121 paesi.

I clienti serviti in Italia sono, secondo le cifre fornite dall’azienda nel 2006, oltre 180 milioni all’anno, circa 600.000 al giorno, con 340 ristoranti in 19 regioni. Attualmente il numero dei locali è aumentato fino a raggiungere quota 406, grazie all’estensione in molte zone ancora non interessate e all’intensificazione della presenza in quelle già servite.

La visione di McDonald’s è quella di essere riconosciuto come un fast food che offre ai propri clienti la migliore esperienza. Essendo il migliore vuol dire raggiungere e mantenere degli standard di qualità, servizi e pulizia (QSC) speciali, per riuscire a fare ogni cliente che arriva a sorridere e stare bene.

McDonald’s spera di riuscire a garantire per tutti gli ristoranti la fornitura di prodotti dai fornitori locali. Nella maggioranza dei paesi della Europa Centrale questa strategia è stata applicata con molto successo. Tuttavia, va notato che non tutti i fornitori possono soddisfare gli standard di qualità stabiliti di McDonald’s perciò ci sono dei casi in cui i prodotti sono importati. Pertanto McDonald’s è una fonte importante di reddito a livello locale, attraverso le tasse pagate.

Le tecniche utilizzate da McDonald’s per assicurare la qualità dei prodotti sono riconosciuti dalle istituzioni di profilo al livello internazionale e spesso sono più severi rispetto ai limiti fissati dalle autorità di controllo della qualità. Il processo non finisce nemmeno quando il prodotto viene confezionato e in attesa di essere consumato da cliente. Ogni prodotto deve essere tenuto al caldo solo un certo periodo di tempo, che non deve essere superato. Così, il sistema di controllo copre l’intero processo di produzione, dalla materia prima al prodotto finito nel vassoio del cliente.

Ogni McDonald’s nuovo in Europa Centrale crea in media 100 nuovi posti di lavoro. Questo numero è più grande del normale che ci si aspetterebbe in un ristorante “classico”. Inoltre, ogni apertura di un ristorante McDonald’s è significativa per gli contrati con le imprese di costruzione locali. Così, McDonald’s è un importante servizio per le aziende partner locale. Questa e una scelta nella politica dell’azienda di stipulare contratti per la progettazione, costruzione e installazione dalla stessa zona dei futuri clienti.

McDonald’s è stato coinvolto in molte cause giudiziarie, la maggior parte relative allo marchio registrato. L’azienda ha minacciato molte imprese alimentari se non rinunciano al loro nome commerciale Mc o Mac. In un caso degno di ricordare, McDonald’s ha citato in giudizio un caffè scozzese chiamato McDonald, nonostante il fatto che era stato aperto un secolo prima (Sheriff Court, Glasgow e Strathkelvin, 21 novembre 1952).

In settembre 2002, McDonald’s ha annunciato volontariamente di ridurre i grassi dal contenuto d’olio usato nella preparazione. L’olio non è stato cambiato. Negli processi che hanno portato questo, i ricorrenti hanno sostenuto che McDonald’s non ha informato il pubblico che l’olio non è stato modificato come promesso. In questa occasione si è scoperto che i grassi trans erano presente in percentuali superiori a quelle dichiarate (una porzione di patate McDonald’s contiene 8 grammi di grassi trans). L’intesa raggiunta nel processo con BanTransFats.comdar e con una parte privata richiede a McDonald’s di informare il pubblico che l’olio non è stato modificato. McDonald’s ha dovuto anche donare 7 milioni dollari ad American Heart Association per creare un programma per informare la popolazione sui rischi dei grassi trans.

Nel 2002, gruppi di vegetariani militanti, per lo più hindu, hanno citato in giudizio McDonald’s e hanno vinto condannando che le patatine erano presentate come vegetariani. Anche se dopo il 1990 si fermò la frittura delle patate nel grasso animale, le patatine fritte contengono grasso animale aggiunto.

McDonald’s deve ancora difendersi in alcune cause sui diritti dei lavoratori. Nel 2001 la società è stata multata £ 12.400 da magistrati britannici per i bambini impiegati illegalmente e, inoltre, con gli orari di lavori troppo lunghi.

Per la quinta volta, anche quest’anno McDonald’s è stata valutata tra le aziende con il miglior ambiente di lavoro e pertanto figura tra i BEST WORKPLACES 2012. Rispetto agli anni passati, il Great Place to Work Institute, società di ricerca e consulenza manageriale internazionale che promuove questo riconoscimento, ha deciso di stilare due differenti classifiche in base alle dimensioni dell’azienda. McDonald’s ha ottenuto il 5° all’interno della classifica Large Companies, comprendente le aziende con più di 850 dipendenti.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: