Posts Tagged ‘ambiente’

“Prassi imprenditoriali e CSR nei Distretti del Veneto”, progetto Cà Foscari

   Al inizio di quest’anno, presso l’Università Cà Foscari di Venezia, è stata presentata la Ricerca “Prassi imprenditoriali e CSR nei distretti del Veneto”.

 L’indagine, svolta dall’Università di Cà Foscari in collaborazione con Unioncamere del Veneto e sostenuta dal Fondo Sociale Europeo, è stata sottoposta sotto forma di questionario a 500 aziende regionali di Vicenza, Padova, Treviso, Verona, Venezia, Rovigo, Belluno. L’anno di inizio dell’attività è: entro il 1969 (24%), dal 1970 al 1979 (18,6%), dal 1980 al 1989 (25,4%), dal 1990 al 1999 (17,9%), dal 2000 in poi (14,0%). Come forma giuridica sono: società di capitali (60,1%), società di persone (24,6%), ditte individuale (11,6%) e altre forme (3,6%). Le aziende fanno parte dagli seguenti settori di attività: industria (43,5%), commercio (15,7%), costruzioni (5,3%), altri servizi (38,7%). Il fatturato è: da 0 a 2 milioni di euro (57,8%), da 2 a 10 (24,3%), da 10 a 50 milioni di euro (13,9%), oltre 50 milioni di euro (4,0%). Il numero dei dipendenti varia da 0 a 9 – 40,3%, da 10 a 49 – 42,5%,da 50 a 249 – 13,9%, oltre 250 – 3,2%.

40,8% delle aziende non avevano mai sentito parlare di Responsabilità Sociale d’Impresa (CSR) ! L’altro 59.2% conoscono i strumenti di CSR però non gli applicano nella misura in cui gli conoscono. Fra gli esempi sta AA1000 conosciuta da 100% delle aziende che però non viene applicata, seguita da Global Compact, le linee guida OCSE e il Libro Verde della Commissione Europea conosciuti in stesso percentuale che però vengono applicati da 5,9%, 6,3% e rispettivamente il 11,4% delle aziende. Sono conosciuti in percentuali da 85,6% a 98,1% gli altri strumenti di RSI: Certificazione ISO 9001 (applicata dal 59,6%), Codici Etici (41,0%), Bilancio Sociale (21,3%), Certificazione ISO 14001 (22,0%), Carta dei Valori (24,8%), Bilancio Ambientale (18,0%), Sa8000 (16,9%), Certificazione OHSAS (22,8%), Regolamento EMAS (7,4%), ISO 26000 (9,4%), Progetto CSR-SC (16,7%).

Le aziende hanno risposto alle domande sulla adozione delle politiche di RSI verso la comunità, i dipendenti, i fornitori, clienti/consumatori e l’ambiente.

   Verso la comunità le aziende adottano le seguente politiche di RSI: donazione nel sociale 63,8%, sponsorizzazioni 59,2%, partnership con enti no-profit 20,2%, altro 16,4%.
Verso i dipendenti vengono adottate le politiche: tutela della salute e della sicurezza sul posto del lavoro 88,8%, flessibilità di orari 68,6%, benefit aziendali 51,9%, stage formativi 51,6%, mediazioni con circuiti bancari al fine di ottenere prestiti o mutui 17,4%, benefit di conciliazione vita-lavoro 14,0%, disponibilità di alloggi 9,7%, altro 15,1%.
Verso clienti/consumatori: attenzione alla satisfazione del cliente 86,3%, sicurezza del prodotto 65,9%, materiali informativi 61,0%, ufficio clienti 32,9%,altro12,9%.
Verso i fornitori: monitoraggio catena di fornitura 56,6%, forme di pagamento veloci 55,4%, altro 20,0%.
Verso l’ambiente : riciclaggio (fotocopie fronte-retro, raccolta differenziata ) 92,2%, riduzione emissioni inquinanti (aeree, sonore) 54,3%, razionalizzazione delle risorse idriche e di energia elettrica 40,3%, impiego di packaging ridotto e/o ecologico 32,9%, impiego di energie rinnovabili 20,2%, altro 12,8%.

Per la definizione delle politiche di RSI le aziende coinvolgono o consultano i seguenti soggetti: sindacati 24,3%, lavoratori 80%, enti pubblici/istituzioni 46,1%, rappresentanti della comunità territoriale 28,2% si, clienti/consumatori 60,7%, fornitori 58,8%.

Le principali ragioni che hanno spinto le aziende ad intraprendere politiche di RSI sono: miglioramento dell’immagine dell’azienda 67%, soddisfazione da parte dei dipendenti 55,9%, riduzione del numero di infortuni sul luogo di lavoro 49,8%, fidelizzazione della clientela/dei consumatori 41,9%, riduzione dei costi (produttivi/energetici) 34,8%, spirito solidaristico 30%, rafforzamento con il territorio o con la comunità 29,5%, aumento della competitività 22,5%, capacità attrattive nei confronti di risorse umane 18,1%, spirito religioso 8,4%, aumento della produttività 7,9%, altro 15,0%.

Le aziende comunicano queste politiche di RSI attraverso i seguenti modi: etichette sui prodotti 15,2%, brochure e altro materiale informativo 47,8%, sito web/newsletter 40,8%, altro 46,7%.

Le principali difficoltà nell’adozione di politiche di RSI sono: costi elevati 55,8%, mancanza di incentivi economici da parte delle istituzioni 55,8% , burocrazia eccessiva 51,2%, scarsi ritorni economici e competitivi a fronte dei investimenti reali 49,8%, scarso interesse da parte dei clienti/consumatori 25,6%, scarsa collaborazione da parte dei fornitori 21,4%, scarsa collaborazione da parte dei dipendenti 13,5%, altro 6,5%.

I risultati emersi mostrano che più della metà delle aziende è a conoscenza di queste pratiche, ma che ne vengono applicate solo alcune, principalmente le certificazioni. Tutti concordino invece sulle difficoltà date dai costi elevati e dalla burocrazia eccessiva e complessa: quasi il 92% degli intervistati ritiene doveroso un intervento pubblico per incentivare l’attuazione delle buone pratiche.
Il 91,7% delle aziende ritiene auspicabile un intervento pubblico nell’incentivo delle politiche di RSI, attraverso: sgravi fiscali 93,6%, semplificazione della burocrazia 96,7%, incentivi e premi 85,1%, maggiori punteggi nelle gare di appalto e nei bandi di finanziamento 80,5%, enti di certificazioni statali anziché privati 48,5%.

In riferimento alle politiche di RSI adottate dalle aziende, sono considerate vere le seguenti affermazioni:
– 49%, è difficile valutare quali siano stati i vantaggi conseguiti
– 29,5%, i costi sono sostenibili
– 29,1%, i vantaggi conseguiti sono inferiori ai costi sostenuti
– 12,3%, i vantaggi conseguiti sono superiori rispetto ai costi sostenuti
– 12,3%, i costi sono insostenibili
– 5,5%, i vantaggi conseguiti sono uguali ai costi sostenuti

In relazione all’attuale periodo di crisi, la RSI e percepita come:
– un dovere etico-sociale 63,7%
– uno strumento utile per la sostenibilità aziendale 32,3%
– un investimento 24,8%
– un mezzo per rafforzare la competitività 24,8%
– uno strumento di innovazione strategica 22,1%
– una spesa superflua 8,0%
– una via per uscire dalla crisi 5,3%

Nel futuro prossimo le aziende intendono: mantenere le politiche RSI finora adottate 59,8%, aumentare gli investimenti RSI 35,3%, diminuire gli investimenti RSI 1,8%, non adottare politiche RSI 3,8%.

Solo il 13,4% delle aziende conoscono il progetto “CSR Veneto” di Regione e Unioncamere Veneto per promuovere la RSI. Se ritiene che il progetto sia utile per la diffusione della RSI in misura: 31,3% abbastanza, poco 6,3%, molto 17,9%, non so 43,8%, per nulla 0,9%.
Il 61,7% sarebbe favorevole al riconoscimento di un marchio qualità da parte della Regione Veneto per le imprese socialmente responsabili, il 30,6% hanno risposto non so e solo il 7,7% hanno risposto no.

Ringrazio Dott.ssa Valentina Cagnin, dottoranda di Ricerca presso l’Università Cà Foscari di Venezia, in Diritto europeo dei contratti civili, commerciali e del lavoro, per il ramo del diritto del lavoro, per avermi messo a disposizione i dati necessari.

Annunci

Le 4 ERRE: rifiuta, riduci, riusa, ricicla!

La produzione di plastica assorbe l’8% della produzione mondiale di petrolio.

Al ritmo di crescita attuale il mondo produce 240 milioni di tonnellate di plastica all’anno di cui solamente il 3% viene riciclato; in altre parole 96% della plastica prodotta a livello mondiale non viene riciclata.

Italia è al primo posto in Europa per consumo dell’acqua in  bottiglie di plastica, procapite: 193 litri circa. Bottiglie di plastica utilizzate in un anno: 9 miliardi di cui riciclate circa il 30%.

Sacchetti di plastica consumati quest’anno nel mondo 145.080.000.000 circa!

Circa la metà della quantità di plastica prodotta annualmente viene impiegata per produrre articoli monouso o imballaggi che vengono buttati entro l’anno.

La produzione mondiale della plastica sta crescendo al ritmo del 3,5% all’anno e questo significa che ogni 20 anni la quantità di plastica prodotta potrebbe raddoppiare.

Quasi il 90% del rifiuto galleggiante in mare è costituito da plastica.

Circa 250 miliardi di frammenti microscopici di plastica galleggiano nel Mediterraneo.

I relativi detriti si accumulano nell’ambiente e il problema è in rapida crescita.

http://www.portalasporta.it


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: